logotype
I Del Carretto

I Del Carretto. Potere e committenza artistica di una dinastia signorile tra Liguria e Piemonte (XIV-XVI secolo).
A cura di M. Caldera, G. Murialdo, M. Tassinari, 2021, 480 pp.
€ 60.00

Questo importante volume indaga le vicende e le connessioni storico-artistiche di una delle più importanti famiglie dell'antica aristocrazia italiana, i marchesi Del Carretto. Di antica discendenza aleramica, i Del Carretto seppero costruire i loro possessi territoriali fra il Ponente ligure e il Piemonte meridionale, quali feudi imperiali perdurati fino all’Età moderna.

Questa articolata famiglia signorile si eragradualmente suddivisa in una serie di rami collaterali, tra i quali i più importanti furono i detentori del Marchesato del Finale, entità che si sviluppò a partire dal XII secolo e rimase vitale fino al 1602, quando morì senza eredi Sforza Andrea Del Carretto.

La fitta rete di rapporti che i Del Carretto intrattennero con i protagonisti della storia europea - dalla corte imperiale ai duchi di Milano, dai re di Francia alla Roma papale fino alle grandi famiglie genovesi - ha visto l'avvicendarsi di  personaggi che si muovevano, con incarichi di assoluto prestigio, sullo scenario della storia medievale e rinascimentale.

In questo senso si possono menzionare Giovanni I, rifondatore di Finalborgo e stretto collaboratore di Francesco Sforza; il cardinale Carlo Domenico, esponente di punta della curia romana nell'età di Giulio II; Fabrizio,gran maestro dell’ordine dei cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme e difensore di Rodi;Peretta, moglie di Alfonso I e nipote di papa Innocenzo VIII Cybo, convolata in secondo nozze con Andrea Doria; Zenobia, figura chiave della corte di Carlo V; Alfonso II e Sforza Andrea, vissuti a lungo presso la corte imperiale asburgica tra Vienna e Praga.

Tutto ciò si tradusse in un mecenatismo estremamente vitale,che si snodò attraverso i secoli e i paesi, capace di guardare ai principali centri artistici italiani (Firenze, Siena, Pisa, Milano e Roma) con aperture verso l'Europa centro-settentrionale e il mondo bizantino.
Questa indagine sulla committenza carrettesca non si limita a considerare le presenze storico-artistiche nei feudi liguri e piemontesi, con alcune importanti novità, ma cerca anche d'inseguire la presenzadei Del Carretto negli altri centri dove essi furono presenti in uno scenarioestremamente complesso e articolato.

Dipinti, sculture, architetture, oreficerie, vetri, tessuti, arazzi, armi, medaglie e monete compongono un quadro “artistico” aggiornato e raffinato, capace di toccare gli snodi principali dell'arte europea dal giottismo fiorentino al classicismo lombardo, dalla Roma di Raffaello alla Maniera internazionale.

 

Info

Museo Archeologico
del Finale

Chiostri di Santa Caterina

I-17024
FINALE LIGURE BORGO (SV)

Tel.:
+39 019.690020
Fax:
+39 019.681022

E-mail:
info@museoarcheofinale.it

Leggi tutto

Biglietti

Intero / Adults
5,00

Ridotto / Students / Seniors
3,00

Comitive / Groups
€ 2,00

Scuole / School Groups
3,00 a studente

Scopri tutti gli sconti

Prenota la tua visita

Orario

Da Settembre a Giugno: da martedì a domenica, ore 9.00-12.00 / 14.30-17.00

Luglio e Agosto: da martedì a domenica, ore 10.00-13.00 / 16.00-19.00

Lunedì chiuso

 

Il museo è chiuso nei giorni:

01.01 / 06.01 (pomeriggio) / Pasqua (pomeriggio) / 24.12 (pomeriggio) / 25.12 / 26.12 / 31.12 (pomeriggio)

Mappa

Facebook